La "Tenda di Ulisse"

La «Tenda di Ulisse» - capace di contenere fino ad 800 posti - sorge ad Ognina (Catania) in via Imbert, nella sede della «Missione Chiesa-­Mondo», accanto all’antico Santuario dedicato alla Madonna.

Ulisse, secondo la leggenda narrata nell’Odissea, ormeggiò la sua barca nel porto di Ognina poco prima dell’incontro col gigante Polifemo. Questo il motivo per cui il porto ogninese, fin dal primo seco­lo a. C., è stato chiamato «porto Ulisse» (cfr. Plinio il Giovane, Naturalis Historia).

La metafora del mito cantata da Omero è ricca di messaggi che ben si addicono all’impegno degli uomini di buona volontà - cristiani e non – nel mondo di oggi, e collimano perfettamente con le tante attività a indi­rizzo religioso, come a indirizzo laico che si svolgeranno nella Tenda di Ognina.

Quali messaggi e quale impegno?

  • la ricerca del vero, del bello, e del giusto, nell’intento di superare i pro­pri limiti e di ampliare le proprie conoscenze (da Itaca alle colonne d’Ercole);
  • il dialogo con culture, tradizioni e costumi diversi (l’incontro con i Feaci);
  • il confronto con le «sfide» del proprio tempo, ora di natura etico-religio­sa, ora di natura sociale, politica e culturale (Scilla e Cariddi, i Proci…);
  • l’insopprimibile bisogno di Dio presente nel cuore dell’uomo di sempre (Athena, Poseidone);
  • l’ancoraggio ai valori sacrosanti della propria famiglia (il ritorno a Itaca dalla moglie Penelope e dal figlio Telemaco). Sono tutti messaggi umani presenti nella complessa vicenda di Ulisse, in grado di collaborare con i molti messaggi presenti nel Vangelo di Cristo; diversi ma insieme complementari. Il dialogo tra le due parti è dunque possibile. Anzi, necessario e urgente.

 Galleria fotografica degli incontri                                                                                Galleria dei video degli incontri