Le piccole Comunità Ecclesiali di Base

Le piccole “Comunità Ecclesiali di Base” (CEB) costituiscono uno degli elementi portanti del progetto parrocchia comunione di comunità. Esse non costituiscono un nuovo Movimento nella Chiesa (semmai sono per una Chiersa in movimento), né una nuova associazione, né nuovi gruppi ecclesiali, né nuove strategie pastorali. Sono invece un nuovo modo di vivere la Chiesa all’interno della parrocchia contemporanea.
Pertanto esse sono intese come:

  • articolazioni più piccole della parrocchia
  • sue ramificazioni
  • cellule di Chiesa
  • vasi capillari che rivitalizzano il corpo ecclesiale
  • la parrocchia che cammina per le sue strade e abita il suo territorio.

Ad esse è affidata la responsabilità pastorale della zona in cui nascono e operano:

  • l’evangelizzazione permanente attraverso sempre nuovi centri di ascolto;
  • la catechesi permanente degli adulti;
  • la catechesi dei bambini, dei ragazzi, dei giovani, delle coppie di fidanzati;
  • il rilevamento dei bisogni del territorio;
  • la promozione umana e l’accoglienza di tutte le povertà, vecchie e nuove;
  • il dialogo e la collaborazione con le strutture e gli uomini di buona volontà;
  • l’impegno di incidere sulla cultura e di trasformarla alla luce dei valori evangelici.
Di esse nuovi operatori pastorali sono i laici guidati dai pastori locali.