I Collaboratori Pastorali

Alla Famiglia Ecclesiale si possono aggregare sacerdoti e laici di ogni età e condizione sociale che cercano la perfezione cristiana nel mondo e si impegnano a dare - secondo il proprio stato di vita - il loro tempo libero per l’animazione dei vari settori della pastorale a partire dalla propria parrocchia.
Due le modalità di adesione:

  1. come Collaboratori pastorali (con l’assunzione di impegni pastorali specifici);
  2. come Aderenti a un’area più vasta (legata alla spiritualità pastorale della MCM).

Gli aderenti sono intimamente legati alla Famiglia Ecclesiale perché:

  • sono figli dello stesso carisma
  • si nutrono della stessa spiritualità pastorale
  • si impegnano a perseguire le stesse finalità apostoliche.

La Formazione e il Collegamento

I «Centri pastorali» della Missione Chiesa-Mondo attualmente operanti in Italia (Catania, Roma), si occupano della formazione ecclesiologica, pastorale e spirituale dei  Collaboratori e degli Aderenti.
Quest'ultimi engono guidati, attraverso periodici incontri, ad alimentare il loro impegno socio-pastorale attingendo alla fonte della spiritualità trinitaria, per acquisire sempre più alcune virtù mutuate dal Padre, dal Figlio e dallo Spirito Santo, attraverso il messaggio e l’esempio di Gesù «buon pastore» (cf. Cap. X del Vangelo di Giovanni).

I contatti con i Collaboratori e gli Aderenti, dai «Centri pastorali», vengono curati attraverso convegni, incontri interdiocesani, regionali e nazionali, ritiri e corsi di esercizi spirituali, tesi a creare un clima di fraternità, di condivisione e di collaborazione, al fine di creare una sorta di grande cordata missionaria impegnata nella faticosa ma entusiasmante avventura del rinnovamento pastorale delle parrocchie italiane.


Programma degli incontri dei Collaboratori


ANNO 2010

Il calendario degli appuntamenti di prossima pubblicazione.


ANNO 2009

Incontri di formazione per futuri Collaboratori e Collaboratori
La formazione prevede la partecipazione sistematica agli incontri della Scuola del Concilio presso la Parrocchia S. Maria di Ognina.

Incontri di formazione specifica per futuri Collaboratori

Due ritiri: 18 gennaio; 24 maggio
Gli incontri si svolgono a Catania, zona Ognina, ore 9,30-12,30.
Sono guidati da P. C. Vitellino, Paola Serafini, Melo e Silvana Presenti.
Partecipano tutti coloro che si avviano a diventare Collaboratori.

Incontri di formazione di base per Amici
16 novembre 2008: c/o Parrocchia San Nicolò di Misterbianco
8 Marzo 2009: c/o Parrocchia S. A. di Padova - Piazza Armerina (EN)
18 maggio 2009:
c/o Seminario di Catania
Gli incontri sono guidati da P. A. Fallico, da P. F. Luvarà. Lucia Zoda, Salvino e Luciana Platania.
Partecipano tutti i membri delle parrocchie che si ispirano o collaborano con MCM, sacerdoti e laici interessati o impegnati nella proposta pastorale.

Scopo di tali incontri: Avere momenti di confronto sui contenuti e sul metodo della proposta pastorale della Missione Chiesa-Mondo e ritrovarsi in un legame di amicizia e di condivisione spirituale e pastorale. Negli incontri si approfondisce la conoscenza della proposta pastorale e della “spiritualità pastorale” che sostiene la formazione degli operatori pastorali e dei vari membri delle CEB.

Vacanza per i Sacerdoti amici

Lunedì 3 agosto – venerdì 7 agosto 2009

Per ricevere informazioni contattare i Centri pastorali di:
Catania: tel. 095.493997 - email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Roma: tel. 06.66416678
- email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Famiglia Ecclesiale "Missione Chiesa-Mondo" è al servizio della pastorale parrocchiale per:

  1. la promozione della dimensione comunitaria del cristianesimo attraverso l’articolazione della parrocchia in piccole comunità ecclesiali dislocate a mo’ di lievito nelle diverse zone del suo territorio, affinché il popolo di Dio acquisti sempre più coscienza di essere Chiesa e di agire e di crescere in quanto Chiesa;

  2. la valorizzazione e la formazione del laicato perché da oggetto passivo di pastorale diventi sempre più soggetto attivo e responsabile della missione della Chiesa e della animazione delle realtà temporali;

  3. la trasformazione della parrocchia in “soggetto ecclesiale e socio-culturale”, capace cioè di farsi carico dei problemi della gente, facendo del territorio la sua vera e costante “terra di missione” nella quale svolgere la catechesi permanente degli adulti, decentrare la pastorale, battersi per la promozione umana di tutto l'uomo e di tutti gli uomini.